DALL’ALLEANZA TRA ASL TO3 E POLITECNICO UNA NUOVA TECNOLOGIA PER LE ULCERE CUTANEE

DALL’ALLEANZA TRA ASL TO3 E POLITECNICO UNA NUOVA TECNOLOGIA PER LE ULCERE CUTANEE

10 Ottobre 2017

La stampa

Dall’alleanza tra Asl To3 e Politecnico una nuova tecnologia per le ulcere cutanee

Un’innovativa tecnologia per la valutazione delle ulcere cutanee croniche è nata dalla convenzione tra l'Asl To3 e il Politecnico di Torino. Una collaborazione nata tra gli operatori sanitari della rete vulnologica e una start up di giovani ingegneri del Politecnico che ha sviluppato un’innovativa tecnologia. Lo strumento, che richiede l’impiego di un semplice tablet, denominato Wound Viewer, permette di acquisire e processare in pochi minuti le immagini delle ulcere attraverso un algoritmo che fornisce al personale sanitario i parametri fondamentali delle lesioni e organizza le informazioni in cartelle cliniche digitali. «Wound Viewer - spiegano dall’Asl - è uno dei risultati di ricerca dal Politecnico che sono diventati spin-off dell’Ateneo, grazie al supporto delle strutture dedicate alle attività di trasferimento tecnologico. E Omnidermal è una start up fondata dai ricercatori Jacopo Secco e Marco Farina, in collaborazione con il dottor Elia Ricci, medico specializzato nel trattamento e nelle cure delle ulcere cutanee».

 Una nuova tecnologia progettata per valutare l’evoluzione, anche minima, della lesione, e che aiuterà i medici dal momento dell’inquadramento diagnostico fino alla definizione di un appropriato programma terapeutico. «Questo importante problema di salute - dice Flavio Boraso direttore generale dell’Asl To3 - troverà nella tecnologia messa a disposizione dalla giovane azienda nata dal Politecnico un valido supporto al miglioramento della qualità delle cure». Un passo avanti anche secondo Emilio Paolucci, vicerettore per il Trasferimento Tecnologico. che afferma: «La capacità di valorizzare questi risultati, che vede come fondamentale la collaborazione con il mondo medico, rappresenta un passo ulteriore per mettere a sistema le competenze su queste tematiche, in un contesto sempre più multidisciplinare e di supporto alla crescita del territorio, riuscendo anche a supportare la nascita di nuove imprese»

 

Link: http://www.lastampa.it/2017/10/03/cronaca/dallalleanza-tra-asl-to-e-politecnico-una-nuova-tecnologia-per-le-ulcere-cutanee-SqOCWkWzycacebUPNdzQCK/pagina.html

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *